Pianificazione familiare naturale - Metodo sintotermico

  Altri metodi naturali - Storia e attualità

   La fertilità della donna come fattore ciclico è molto antica. Le prime informazioni datano di famosi filosofi dell'antichità e di testi ebraici.

  Attualmente esistono diversi metodi, tra cui il più affidabile è il metodo sintotermico. Gli altri, pur essendo utilizzati, sono di discutibile efficacia.

  Metodo del calendario o Ogino-Knaus

  Le prime conoscenze scientifiche riguardanti il periodo fertile risalgono ai ginecologi Ogino (giapponese) e Knaus (austriaco). In modo del tutto indipendente, questi ginecologi scoprirono che l'ovulazione ha luogo tra i 12 e i 16 giorni prima del periodo mestruale. Le regole elaborate da Ogino e Knaus determinano i periodi sterili in funzione della durata dei cicli precedenti (metodo del calendario). Questo metodo significò un grande passo in avanti a suo tempo. Tuttavia non è del tutto affidabile e, oggigiorno, non si raccomanda.

  Metodo della temperatura

   Si basa sulla variazione della temperatura basale (temperatura a riposo, prima di alzarsi al mattino) della donna durante il ciclo mestruale. Fu l'olandese Van de Velde il primo a collegare temperatura e ovulazione. E il primo ad utilizzare questa scoperta ai fini della pianificazione familiare naturale fu il parroco Wilhelm Hillebrand , nel 1953.
   Nel 1954 il ginecologo tedesco Gerhard Döring pubblicò un manuale di facile comprensione per il lettore, che diffuse ampiamente il metodo.
   Si tratta di un metodo più affidabile del calendario ma meno dei metodi sintotermico o Billings dato che, controllando soltanto il fattore temperatura, si possono prevedere esclusivamente i giorni sterili pre-ovulazione.
   Per coloro che vogliono soltanto constatare i giorni fertili posteriori all'ovulazione questo metodo risulta il più efficace, anche più del metodo sintotermico. Si è soliti utilizzarlo nei casi in cui la donna non riesce a rimanere incinta per cause mediche (gravi malattie congenite dei genitori o malattie cardiache della madre, per esempio). In questi casi bisognerà rinunciare ai rapporti sessuali prima dell'ovulazione o utilizzare i metodi contraccettivi complementari appropriati.

  Metodo dell'ovulazione o metodo Billings

   Fu il neurologo austrialiano John Billings, intorno al 1960, a sviluppare questo metodo. La versione attuale si basa unicamente sull'osservazione delle secrezioni cervicali. La sua efficacia è inferiore a quella del metodo sintotermico dal momento che, per trarre le dovute valutazioni, prende in considerazione esclusivamente il fattore del muco.

  Metodo muco-termico

   Come il metodo sintotermico, prende in considerazione il muco e la temperatura. Ma non la palpazione della cervice uterina.

   Metodo ciclo-termico

   Valuta la fertilità nel periodo antecedente l'ovulazione attraverso il calcolo; e la fertilità nel periodo posteriore all'ovulazione attraverso la temperatura.


   Metodo LAM o dell'amenorrea da lattazione

   Il metodo LAM parte dalla condizione di infecondità durante i sei mesi successivi al parto, ma con il verificarsi di due condizioni essenziali:
- che il neonato sia alimentato esclusivamente con il latte materno
- che non sia apparsa alcuna mestruazione dal momento del parto

   Se viene a mancare una di queste condizioni, per rilevare i periodi sterili, si dovrà partire da una situazione di fertilità e prendere in considerazione gli altri fattori (muco, temperatura, cervice uterina).


   Metodo sintotermico

   Il metodo sintotermico combina essenzialmente l'osservazione della temperatura del corpo con quella delle secrezioni cervicali o della cervice uterina. E' considerato il metodo più affidabile tra quelli di pianificazione familiare naturale, poiché l'osservazione di vari segni o sintomi permette di precisare quando si realizzano la fase fertile e quella sterile.

   Fu scoperto nel 1965 dal medico austriaco Josef Rötzer.

   Negli anni 1977 e 1978 venne realizzato a Calcutta uno studio riguardante un programma di impianto del metodo sintotermico in questa zona. Lo studio venne condotto dalle missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta, in collaborazione con Indial Council of Medical Research (Consiglio indiano di ricerca medica). Lo studio oltre a rivelare una grande accettazione e popolarità del metodo, mostrò anche la sua grande efficacia (indice di Pearl tra lo 0,2 e lo 0,3) .

   Nel 1981 venne fondato in Germania il gruppo di lavoro PNF (Pianificazione familiare naturale ), che tra il 1984 e il 1991 e attraverso un progetto appoggiato dal Ministero Federale Tedesco della Famiglia, la Terza età, la Donna e la Gioventù gettò le basi per il metodo sintotermico oggi offerto dalla Germania.
Un gruppo di lavoro scientifico interdisciplinare ne garantì la consulenza medica, pedagogica e psicologica. Il gruppo era formato da membri di diverse Università e principalmente dell'Università di Dusseldorf.

   Il metodo presentato in questa pagina è quello elaborato dal gruppo tedesco di lavoro NFP.

   La OMS ha riconosciuto il metodo sintotermico come parte dei metodi naturali e ha elaborato delle linee guida, abbastanza simili a quelle del gruppo di lavoro tedesco.